Translate

martedì 30 giugno 2015

I Casting

Una volta si diceva che la strada per il successo è lastricata di dolore...ma per esperienza posso dire che in Italia la strada per il successo è composta da una moltitudine di letti in cui infilarsi. Non credo alla favola della brava ragazza spinta dalla necessità, della donna usata malgrado la sua volontà, vedo un branco di spietate arriviste disposte a tutto pur di ottenere ciò che vogliono, queste persone non provano dolore per ciò che fanno, altrimenti si comporterebbero in modo diverso. Ho avuto tante opportunità di entrare nel club delle elette, ma le ho rifiutate, vivo di sacrifici e di onestà. La mattina mi alzo alle sei e lavoro 8 ore per portare a casa un misero stipendio, la mia amica non ha bisogno di lavorare, la mia amica non deve fare il calcolo di ciò che prende quando va a fare la spesa per vedere se ha abbastanza soldi per pagare, ma la mia amica ha ceduto a quel che la società italiana malata le ha proposto.
Concorsi di bellezza e ancora concorsi di tutti tipi, selezioni su selezioni... di cosa vogliamo parlare adesso?
Vi parlerò di casting e dei mille che ne ho fatti per partecipare come concorrente, come valletta o come protagonista di reality show...
La televisione è un mondo strano, è un luogo tutto diventa fantasticamento vero, anche quello che stentavi a credere.
Ho lavorato per tutte le emittenti televisive nazionali, naturalmente non da protagonista del piccolo schermo, ma come semplice e comune figurante. Ma chi sono i figuranti? I figuranti possono essere di due tipi:
-  poveri disgraziati che sognano una carriera in campo artistico e per svariati motivi non riescono ad affermarsi
- gente comune senza alcuna ambizione nel settore ma essendo disoccupati e disperati si accontentano di un qualsiasi impiego pur di portare a casa qualche soldino.
Quali sono le competenze del figurante?
Essenzialmente nessuna, il figurante deve semplicemente ridere e sorridere sempre e comunque, qualsiasi cosa accada. Si fa tutto a comando: c'è una figura preposta alla scelta dei comandi da eseguire e ci sono una serie di meri esecutori.
Ma torniamo ai casting, dell'attività di figurante ne parleremo più avanti, quando avrò spieagato prima come vengono selezionati la quasi totalità dei soggetti che vedete in tv quotidianamente.
Il mio primo casting fu per un programma televisivo in cui occorreva essere particolarmente telegenici e aggiungerei anche particolarmente "zoccole"! Bisognava saper ridere e sorridere sempre mostrando a tutti delle abilità artistiche, seppur inesistenti ma esibite con "puttanesca" mastria...
Partii da Siena all'alba per recarmi nel luogo della selezione. Riconobbi il posto dall'enorme fila di ragazze in minigonna accalcate davanti a un rudimentale capannone.
La maggior parte degli studi televisivi hanno le sembianze di capannoni industrili, sono strutture semplici e grezze, in cui vengono montate in un secondo momento delle scenografie che rendono l'idea di luoghi meravigliosi.
Per i casting non erano state allestite scenografie, quindi il luogo si prensentava come un semplice, squallido e polveroso capannone.
Erano stati messi in un angolo dei banchetti in cui delle signore vestite bene distribuivano dei modelli da compilare, veniva richiesto oltre alle generalità anche qualcosa di più personale ( ambizioni, sogni e predisposizioni artistiche).
L'esercito delle aspiranti prescelte era rigorosamente in abiti succinti, tutte vistosamente truccate e pettinate... sembrava un esercito di mignotte e non escludo che molte di loro lo fossero, ma non di professione, probabilmente solo di animo!
Mentre ero in fila notai numerosi conduttori televisivi, registi e tecnici audio/video che si aggiravano fra le ragazze con maliziosa curiosità. Molte ragazze colsero l'occasione di una foto per scambiare qualche chiacchiera e per fornire il proprio numero di cellulare...
Avete mai visto il tanto criticato "Ricordati di me" di Gabriele Muccino?
E' proprio questo quello che succede ai casting, il sorriso in più, la disponibilità ed ecco aprirsi le porte del paradiso...
Che si tratti di casting per reality show, talent show, per spot pubblicitari o per diventare concorrenti di quiz a premi la chiave per superare ogni prova è sempre quel sorriso in più e quella disponibilità che fa comodo un po' a tutti i protagonisti della vicenda, non ci sono vittime e carnefici, ci sono maniaci sessisti o porci patentati e prostitute di indole o di professione, che fanno del proprio corpo e delle proprie abilità sessuali la  garanzia per il successo.