Translate

martedì 15 settembre 2015

Musei e opere d'arte

Vi è mai capitato di arrivare a un punto di stress tale da desiderare di mollare tutto e andare in un posto lontano?
A me capita spesso, così quando davvero sono allo stremo delle forze raccolgo i miei pochi risparmi e parto allo scoperta di mondi nuovi per poter respirare un aria diversa e per poter aprire la mente alla conoscenza... Le mete preferite sono le capitali europee, ricche di cultura e di storia (io adoro la storia!)
Negli anni ho visitato tante città, europee e non: Lisbona, Madrid, Barcellona, Parigi, Berlino, Budapest, Monaco di Baviera, Vienna, Praga, Amsterdam, Londra, Baden Baden, Edimburgo, Glasgow, Bruxelles, Bruges, Gand, Lussemburgo, New York, San Francisco, Washington, Los Angeles, Las Vegas, Orlando.
Qual è la mia preferita?
Da premettere che sono tutte bellissime e che ognuna ha qualcosa che la rende unica e inimitabile, da premettere che le amo tutte e che le ricordo tutte con una grande emozione nel cuore, se devo proprio sceglierne una, allora dico Londra!
Non so se avete mai visitato questa città, ma l'aria di quel mondo British mi fa stare meglio, i palazzi, le strade, la gente, tutto sembra che mi sorrida nella capitale inglese...
Sono stata a Londra  già tre  volte e vi giuro non ne sono mai sazia...
Cosa c'è di bello da vedere a Londra?
Praticamente tutto e tutto è alla portata di tutti...
Sapete che i maggiori musei prevedono l'ingresso gratuito?
La cultura è garantita a tutti senza distinzione... si può entrare tranquillamente nel British Museum e ammirare i girasoli di Van Gogh, cogliere l'importanza della Rosetta Stone, ammirare sarcofagi egizi e opere d'arte di ogni tipo, tutto è a disposizione di tutti  senza dover fare i conti con un budget mensile limitato, tutti possono accedere gratuitamente a questi meravigliosi luoghi più volte nella vita senza dover pagare un solo centesimo e non si formano neppure code all'entrata perchè essendo l'accesso gratuito non si creano ingorghi per pagare i ticket!
Avete mai provato a visitare i musei capitolini? Avete mai fatto la fila per i musei vaticani? Avete mai pensato di vedere gli Uffizi?
Un disastro!!!
E' vero che i musei vaticani sono proprietà del Vativano, ma vi assicuro che la fila la fate in Italia e sono chilometri e chilometri di fila fuori le mura...
L'Italia ha un patrimonio artistico non indifferente, ma niente è gratuito, ho speso davvero un capitale per visitare parte dei tesori nazionali, per non parlare del tempo perso inutilmente in file chilometriche, tempo della mia vita che nessuno mi darà più indietro...
Ogni giorno in Italia turisti e connazionali passano ore e ore in piedi ad aspettare il proprio turno pagando cifre consistenti e avendo garantiti dei servizi molto diversi rispetto a quelli offerti all'estero.
Mi viene in mente un episodio davvero singolare, vi giuro che non sapevo se ridere o se piangere!
Ero tornata da poco da Parigi e tappa immancabile era stata la Reggia di Versailles, un giorno leggendo una rivista avevo trovato un articolo sulla Reggia di Caserta, così proposi a mio marito di visitarla.
Armata di guida e di macchina fotografica andai alla scoperta di questa meraviglia italiana, ma quello che mi trovai davanti fu molto diverso da quello che avevo visto a Parigi.
Non metto in discussione la bellezza del luogo, che sicuramente non ha nulla da invidiare alla sontuosa dimora francese, ma la conservazione e la gestione del palazzo lasciavano molto a desiderare...
Appena arrivata rimasi sconcertata guardando alcuni signori che entravano nei giardini con borse frigo e buste della spesa, non avevo ben compreso che i giardini reali erano diventati nel corso degli anni dei lughi in cui fare scampagnate con tanto di famiglia e animali domestici al seguito...
Più tardi mentre ammiravo quel che restava delle bellezze del giardino inglese sentivo " Pasquà passame o casatiallu!" e vedevo i cani fare delle belle buche nei prati mentre espletavano le proprie funzioni organiche!
Alla fine della mia visita notai sui prati i resti dei pranzi altrui abbandonati, le toilette erano praticamente impraticabili e mentre qualcuno giocava anche a pallone gli addetti alla sorveglianza chiacchieravano allegramente...
Sono passati anni da quel giorno e sinceramente  spero che le cose siano cambiate...
Negli ultimi giorni ho letto sul giornale che la Reggia di Caserta ha cambiato gestione: spero che finalmente venga dato il giusto valore a questa meraviglia del passato!