Translate

sabato 24 ottobre 2015

I controlli nelle aziende e i certificati di qualità

Come ho detto in altre occasioni lavoro in una piccola azienda, con un contratto fino a qualche tempo fa, incredibilmente falso e negli ultimi mesi  addirittura in esistente (lavoro in nero)!
Dove sono le istituzioni e gli enti preposti ai controlli? Semplicemente non esistono... o meglio non esistono per i lavoratori perchè per i datori di lavoro ci sono e si lasciano, come sempre, corrompere!
Ho lavorato con un contratto part-time fino a qualche tempo fa. Era un contratto part-time, sebbene lavorassi e lavoro più di 40 ore a settimana, senza giorno libero, senza malattia e senza diritti!
Semplicemente quando sono malata o sono costretta ad andare a lavorare o, se soono proprio moribonda, il giorno di assenza mi viene tolto dalla busta paga!
In 3 anni che lavoro in questo posto nessuno è venuto mai a fare un controllo, sebbene questa stessa azienda abbia già una causa di lavoro in corso con dei dipendenti che poi ha provveduto prontamente a licenziare!
In Italia funziona in questo modo, se tu denunci una situazione di abuso da parte del datore di lavoro vieni punito e perdi il lavoro, perchè nessuno sarà pronto a difenderti o a difendere i tuoi diritti.
Le istituzioni sono latitanti e corrotte, questo lo sanno tutti, così indisturbati i datori di lavoro si arricchiscono alle spalle dei lavoratori che come schiavi stentano ad arrivare alla fine del mese...
Siamo al 24 ottobre e del mio stipendio, seppur misero, di settembre non c'è ancora traccia!
Se i conti correnti di tutti sono sottoposti a controllo perchè nessuno si accorge che lo stipendio ogni mese tarda ad arrivare?
Mentre io non ho i soldi per mangiare, il mio datore di lavoro investe in polizze assicurative e con gli interessi del mio stipendio e di quello di tutti gli altri lavoratori della sua azienda acquista altri beni e altre polizze...
Ogni anno poi si ripete la pagliacciata dei controlli per le certificazioni di qualità, uno spettacolo davvero vomitevole, dove una ragazzina con un tatuaggio sul culo in bella vista si presenta qui con borsa di Gucci e macchina da migliaia di euro, si siede, fa la gatta morta, dispensa sorrisi e poi resta a pranzo a casa del titolare dell'azienda! Naturlamente prima di andare via si riempie il bagagliao della macchina e i certificati di qualità magicamente arrivano: questa è l'Italia!
Nessuno vede la muffa su per il muro, nessuno vede i bagni sporchi, nessuno vede il pavimento macchiato con l'acido che ho dovuto respirare, nessuno vede nulla!
Da segretaria pulisco i pavimenti con uno straccio lurido e puzzolente, impossibile da sbiancare, impossibile da rendere più profumato.
In vista dei controlli uno dei titolari va nel panico e sentendo l'odore nauseabondo emanato dal pavimento pensa di risolvere il problema versando un concentrato non diluito di un detergente industriale. E' il delirio. Gli odori chimici del composto fanno lacrimare gli occhi e macchiano il pavimento, la titolare per rimediare decide addirittura di spruzzare sopra un deodorante per ambienti!
L'ignoranza regna sovrana, naturalmente nessuno sa che si scatena una reazione chimica... ma non esageriamo, la chimica è una materia del tutto sconosciuta in questo posto dimenticato da Dio e governato dalla suprema ignoranza.
Ho dovuto alzare la voce per impedire che venisse spruzzato il deodorante per ambienti e con una spugna a mani nude (non avevo neppure un paio di guanti) ho cercato di rimuovere dal pavimento quell'acido che ormai aveva creato un ambiente invivibile.
600 euro in nero (che tra l'altro sono anche variabili, se per qualche motivo lavoro in meno la cifra viene ridotta) per respirare veleno, pulire un pavimento di merda e prendere ordini da un branco di ignoranti, mentre l'ingegnere che segue il progetto qualità se ne sta come un ebete a guardare...
Questa è l'Italia e questa è la mia triste esistenza in questo orribile paese.
Viva le istuzioni, viva il governo, viva l'Italia!!!