Translate

mercoledì 2 dicembre 2015

Regali...

Quando ci si sposa è davvero indispensabile fare una lista nozze per evitare di ricevere un mucchio di spazzatura?
Mi ponevo questo quesito mentre guardavo il biglietto di invito di mio cugino e l’indicazione del sito da consultare per i regali.
Non sarebbe più semplice mettere in una busta dei soldi?
Non ho mai fatto regali per un matrimonio, solo soldi, perché sinceramente penso che sia inutile regalare roba a delle persone di cui non conosci i gusti o peggio ancora la casa.
Iniziare una vita in due è diverso dall’ essere soli, il matrimonio segna veramente un nuovo inizio e avere qualche soldo in tasca sicuramente  aiuta.
Quando mi sono sposata non avete idea delle porcherie che ho ricevuto, potrei fare un elenco infinito …
Dal servizio di bicchieri finemente decorati e già arrugginiti al servizio da tavola consumato, alla pirofila con coperchio pieno di ammaccature … Ma non finisce qui! Ho avuto invitati che si sono presentati in tre al matrimonio e non mi hanno portato né soldi né regalo, ho avuto invitati che in due mi hanno riciclato un regalo ricevuto per il loro matrimonio avvenuto 10 anni prima, ho avuto invitati (non miei, ma di mio suocero) con titoli nobiliari che si sono presentati in due a un ricevimento portando in dono una cornice di 40 euro (lo so perché sono andata a cambiarla).
Tra i regali più gettonati ci sono stati poi quadri di finto argento con delle macchie estranee al soggetto, immagini sacre da appendere in camera da letto,servizi di posate da dodici rivelatesi poi in realtà da 11 (non capirò mai dov’è finito il dodicesimo cucchiaio , ho ricevuto regali davvero di tutti i tipi e non saprei dirvi quanti orribili vasi, di cui uno di dimensioni davvero esagerate, nemmeno dovessi metterci dentro un ulivo pugliese!
Dopo aver affrontato un matrimonio e aver ricevuto un sacco di cianfrusaglie, sono giunta alla conclusione che i regali buoni, quelli fatti davvero con il cuore, arrivano dalle persone più umili, da quelle che si guadagnano da vivere con il sudore dalla fronte, quelle che stentano ad arrivare alla fine del mese, quelle che pur di fare una bella figura a un matrimonio si presentano da soli e mettono in un biglietto di auguri  i soldi che avrebbero speso per portare a cena fuori l’intera famiglia.
Le persone per bene, quelli che definiremmo di ceto sociale medio-alto, beh, quelle sono le persone che ti regaleranno merda! Non sto esagerando, posso affermare con estrema certezza che il  70% delle persone con una possibilità economica al di sopra della gente comune regala cose inutili o addirittura roba che aveva in casa da una vita facendo finta di nulla e ingurgitando di tutto alle spalle degli sposi.
Ho speso 130 euro a persona e ho ricevuto regali che non  si avvicinavano nemmeno lontanamente al valore di ogni singolo coperto.
 Il matrimonio non è un’occasione per arricchirsi, ma una occasione per avere l’augurio per  una vita a due felice e serena.
Non mi aspettavo nulla, ma di riempirmi di debiti, beh, forse questo non lo avevo previsto.
L a gente che porta regali al posto di soldi si possono classificare in due grandi categorie: gli approfittatori e quelli che credono di essere intelligenti.
Gli approfittatori, sono i cafoni, quelli che se ne fregano del grande passo che due giovani sposi hanno compiuto e non hanno alcun interesse a contribuire al loro futuro, mentre quelli che pensano di essere intelligenti, sono i deficienti per eccellenza che credono di camuffare con un regalo la cifra irrisoria disposti a cedere per partecipare all' evento. Non so quale dei due tipi sia peggio, ma pensandoci bene forse mi fanno più schifo quelli che credono di essere intelligenti perché si sforzano di far sembrare rilevante l’esborso di denaro impiegato per comprare comunque un regalo di merda!
A tutti quelli che in questi giorni o nei mesi a venire dovranno partecipare a un matrimonio consiglio di non fare la figura dei pezzenti e di mettere in un biglietto di auguri una cifra adeguata ai nostri tempi, senza strafare, ma cercando di contribuire al buon inizio di una relazione duratura nel tempo.

A tutti gli sposi dei prossimi giorni e di quelli futuro consiglio di fare un elenco di tutti gli invitati e di annotare al lato di ogni nome il regalo ricevuto o la cifra avuta, perché credetemi “la vendetta è un piatto che va servito freddo” ed è proprio vero che “la vita è una ruota che gira: oggi a me, domani a te!”