Translate

mercoledì 10 febbraio 2016

Decidere se andare avanti o fermarsi

Due giorni fa Google+ ha bloccato il mio profilo, non capisco perché e che cosa sia stato ritenuto non idoneo, eppure non pubblico nulla di osceno, di oltraggioso, di sconcio o di offensivo.
Il mio è un blog fatto di esperienze di vita vissuta, di ricette di cucina, di aneddoti, di disegni e di foto.
Mi addolora ricevere questo trattamento e sinceramente non so se continuare ad avere il blog su blogger o traslocare da qualche altra parte.
Non penso ci sia niente di male nello scrivere degli articoli e condividerli anche con degli sconosciuti, è un modo per non sentirsi soli in un mondo che purtroppo va a rotoli. Mi sento maltrattata e forse questo è l'ultimo articolo che scrivo su blogger.
A tutti quelli che la pensano come me chiedo di condividere questo messaggio.
Sicuramente se fossi stata un VIP Google non avrebbe bloccato il mio profilo, se fossi stata ricca  e potente nessuno si sarebbe sognato di violare la mia libertà.
A  fine marzo lascerò l'Italia perché questo paese mi ha tolto il lavoro, il sorriso e la voglia di vivere, vedermi costretta a chiudere il blog e lasciare anche Google+ per il semplice motivo di essere una persona normale mi deprime e mi addolora...
Le persone sono uguali nel mondo, davanti a Dio e davanti alla morte, tutti dovrebbero saperlo, ma a quanto pare l'ignoranza regna sovrana ovunque!