Translate

giovedì 3 marzo 2016

Stranamore

Ogni anno in questo giorno non posso fare a meno di ricordare il 3 marzo del lontano 2004, quando per magia fui protagonista di un sogno chiamato Stranamore.
Non dimenticherò mai Alberto Castagna e la sua infinita gentilezza, non dimenticherò mai una serata semplicemente meravigliosa.
Capitò per caso che mi trovai a fare un gioco all'interno del programma, avrei dovuto scegliere fra sei ragazzi mascherati quello libero da impegni sentimentali, in palio una vacanza sul Mar Rosso.
Trucco, parrucco, costumi e accessori, tutto ruotava intorno a me, una Cenerentola dei giorni nostri, una ragazza semplice del Sud regina del piccolo schermo in una Milano capitale della moda.
Forse qualcuno troverà questo articolo un po'frivolo , ma mi sembrava doveroso fare un omaggio a una persona buona che ha calcato la scena del panorama televisivo italiano con serietà e infinita professionalità, una persona buona in un mondo cattivo, una persona che ha saputo farmi sentire speciale regalandomi una serata di celebrità in una vita che purtroppo è stata spesso molto dura (e purtroppo lo è ancora).
In una televisione italiana ormai volta al trash la mancanza di personaggi come lui si fa davvero sentire, una persona umana in un posto diventato ormai il regno degli approfittatori sociali che fanno delle disgrazie altrui un vergognoso motivo di lucro, che riducono lo spettacolo pomeridiano in un covo di pettegolezzi dove grotteschi corteggiatori e imbarazzanti corteggiati si rendono ridicoli agli occhi della gente.
L'Italia in questi ultimi anni ha fatto passi da gigante, ma non verso il progresso! La regressione della nazione fa paura e mentre in tv assistiamo alla propaganda stile Mussolini di entusiastici risultati, se ci pensiamo un attimo siamo l'unico paese in cui la gente avverte ogni giorno una sorta di frustrazione e si consola guardando programmi spazzatura realizzati al solo scopo di distogliere l'attenzione dai problemi reali del paese.
Niente programmi culturali in tv, niente programmi di sano intrattenimento, solo cronaca e pettegolezzi, solo stupidi giochi di ruolo per coppie disagiate, solo cause in tribunali improvvisati dove per 500 euro i protagonisti dibattono  improbabili argomenti.
Al posto dei film  protagonisti del cinema mondiale la televisione italiana propina sceneggiati da 4 soldi e fiction realizzate alle spalle della povera gente costretta a pagare il canone per sostenere le spese di questo incredibile carrozzone che va verso il baratro del cattivo gusto!
Non so per quanto tempo gli italiani continueranno a sopportare questo dilagante degrado, l'ignoranza è quello che rende la popolazione schiava, la televisione italiana crea volutamente un pubblico di ignoranti perché dominare gli ignoranti è sicuramente più semplice.
Agli italiani chiedo di svegliarsi e di rifiutare a gran voce lo squallore della televisione italiana. Abbiamo un arma dalla nostra parte, chiamata audience, leggiamo un libro al posto di vedere una merdosa fiction interpretata dai soliti raccomandati, usiamo internet al posto di vedere l'ormai censurato telegiornale, apriamo la nostra mente alla conoscenza, non fossilizziamoci su una maniacale voglia di cronaca nera, rosa o gialla!
Fuori i raccomandati, fuori la tv e i  programmi spazzatura, chiediamo di più alla nostra Italia, pretendiamo di più dal nostro paese...