Translate

domenica 26 giugno 2016

Italia: debiti, povertà e Vaticano

L'Italia è ormai in crisi da diverso tempo e i governi tecnici che si sono succeduti non hanno fatto altro che peggiorare la situazione.
Tutti hanno applicato tagli da tutte le parte, tutti hanno ampliato il debito pubblico e nessuno ha preso dei provvedimenti semplici e sicuramente importanti per il risanamento del paese.
L'Italia è un paese in cui gli sprechi sono ormai all'ordine del giorno, ma se oltre ai nostri ci accolliamo anche quelli degli altri, allora è normale che lo Stato stia morendo.
Virginia Raggi, il neo sindaco di Roma, promette di far pagare l'IMU agli immobili del Vaticano usati per scopi commerciali e così l'opinione pubblica si scatena.
I soliti signori ben pensanti si schierano a favore del Vaticano sperando di guadagnarsi un posto in paradiso, ma non si rendono conto che in Cielo ci sono i Santi, mentre in terra ci sono i soldi!
Parliamo di case, palazzi, alberghi, ristoranti, scuole private a pagamento, istituti e tanto altro ancora gestiti dal Vaticano e che fruttano alla Chiesa centinaia di migliaia di euro e per il quale lo Stato Pontificio non paga assolutamente niente.
Sapevate che l'acqua consumata dal Vaticano la paga il comune di Roma?
La cifra che il Vaticano evade annualmente si aggira intorno ai 404.000.000 di euro l'anno.
Avete capito bene, ben 404.000.000 di euro che finiscono nelle tasse e nelle bollette che devono pagare gli italiani!
Carità cristiana sì, ma sfruttamento no!
Io sono cristiana e credo in Dio e nel vangelo, credo nella Bibbia e nei Santi, ma non credo agli uomini che si arricchiscono con la fede e la disperazione della gente!
Perché il Vaticano non deve pagare l'acqua se la consuma? Perché non deve pagare le tasse sugli incassi che fa in Italia? Perché noi dobbiamo accollarci le loro spese e pagare per i loro sprechi?
A Roma ci sono circa 300 case per ferie di proprietà di Enti Religiosi che vengono usate per fini commerciali e chi paga le loro spese? Noi...
Mentre la povera gente non ha soldi per comprare da mangiare ai propri figli è costretto a pagare le spese del Vaticano, perché badate bene che questi 404.000.000 di euro vengono ripartiti sui contribuenti e guardate un po'? I contribuenti siamo sempre noi, gente onesta e lavoratrice che fatica ad arrivare alla fine del mese!
Il Vaticano possiede circa un milione di strutture immobiliari in tutto il mondo per un valore totale che si aggira intorno ai 2 mila miliardi di euro... non so neppure scrivere una cifra del genere!
Tutti i giorni la Chiesa invita i fedeli a fare la carità ai poveri, così i poveri fanno la carità ad altri poveri, mentre il Vaticano?
Avete idea di quanti tesori siano custoditi nei Musei Vaticani?
Se la Chiesa vendesse  quei tesori e usasse i soldi per aiutare davvero i bisognosi, allora sì che si potrebbe parlare di carità cristiana, se il Vaticano rinunciasse ai privilegi fiscali e si spogliasse delle sue ricchezze come ha fatto San Francesco d'Assisi, per donarle ai poveri, allora sì che assisteremmo al compimento di un miracolo... ma quel miracolo i vertici del Vaticano non vogliono farlo, a dire il vero nemmeno lo hanno mai preso in considerazione, i miracoli li pretendono da noi, con il 5 per mille alla Chiesa cattolica, con le offerte durante le funzioni religiose, con la carità a chi sta peggio di noi, con la copertura di quelle bollette che loro si rifiutano di pagare!
San Padre Pio non voleva la ricchezza, maltrattava chi lucrava sulla sua immagine, eppure le sue foto sono in vendita come in vendita sono le decine di migliaia di oggetti che riportano il suo Santissimo volto.
Tutto questo mi riempie il cuore di tristezza e posso solo dire "Forza Virginia, perché sono sicura che Dio è con te, perché Dio non vuole privilegi, siamo tutti suoi figli!"